logo   b11  b13  b15 
joomla templates top joomla templates template joomla

 

 

“Il teatro non è il paese della realtà : ci sono alberi di cartone, palazzi di tela, un cielo di cartapesta,
diamanti di vetro, oro di carta stagnola, il rosso sulla guancia, un sole che esce da sotto terra.
Ma è il paese del vero: ci sono cuori umani dietro le quinte,
cuori umani nella sala, cuori umani sul palco.”
(Victor Hugo)
 
 
 
Il Teatro è un’arte necessaria.
Su un palcoscenico non ci sono parole, non ci sono maschere o finzioni, ci sono solo corpi e cuori
che tremano sotto il calore delle luci, odore di polvere stanca, respiri affannati e pieni di paura,
occhi che guardano altri occhi. Ma il Teatro, nella sua pratica laboratoriale, non ha come solo obiettivo uno spettacolo, sarebbe riduttivo immaginarlo così.
Il Teatro è un’arma, è uno strumento attraverso il quale cambiare gli uomini che quel teatro lo vivono, cambiare gli uomini che quel teatro lo guardano.
Il Teatro serve a dar forma alle persone, ad aiutarle a capirsi, a conoscersi e confrontarsi continuamente con se stessi e con gli altri.
 
 
Il Teatro serve a crescere restando bambini.

Il Laboratorio Teatrale che si propone di attivare va inteso come uno spazio di crescita ed introspezione,
separato dal mondo ma che aiuti a capire quello stesso mondo ed il ruolo che in esso ciascuno riveste.
 
Ambiti di intervento

Ambito Sensoriale e Psicomotorio;
Ambito Propriocettivo, Affettivo e Relazionale;
Ambito Espressivo;
Ambito Immaginativo e Creativo.
 
Lavoro pratico

Le lezioni riguarderanno soprattutto i seguenti argomenti:
Riscaldamento e Movimento nello spazio scenico
Consapevolezza corporea e Training autogeno
Immedesimazione ed Improvvisazione
Respirazione e Corretto uso della voce
Articolazione e Tono
Accento e Dizione
Progettazione e realizzazione costumi e scenografie.
Allestimento di uno spettacolo finale
 
 

OBIETTIVI
 

Il corso prevede di conseguire i seguenti obiettivi:

- Creare sintonia, fiducia e lealtà all’interno del gruppo di lavoro;
- Promuovere la cooperazione, la collaborazione ed il confronto;
- Abbattere le differenze ed i pregiudizi;
- Lavorare sui limiti emotivi ed espressivi e liberare la creatività;
- Sensibilizzare all’arte ed alla cultura;
- Lavorare su principi di Dizione, Logopedia, Foniatria e Psicomotricità;
- Sperimentare se stessi nel circolo protetto della fiducia.

 Conoscere il proprio corpo: Sviluppo del coordinamento motorio, riconoscimento delle varie
parti del corpo nella dissociazione o nell’unità, conoscenza delle potenzialità e dei limiti del proprio
corpo attraverso la pratica del training, la respirazione, gli esercizi di concentrazione.
E partendo da questa riscoperta di sé, sperimentazioni sul proprio modo di essere in scena.

Conoscere il proprio spazio: Imparare a occupare uno spazio facendolo divenire un luogo
magico, il vero palcoscenico del racconto di sé. Percepire e gestire il proprio spazio nel rispetto
dell’altro e dell’ambiente, inteso come luogo fisico e materiale che rende l’animo attento alla
bellezza e all’ordine di ciò che lo circonda, per imparare a vivere in armonia con quello che abbiamo intorno.

Conoscere e rapportarsi all’altro: Favorire un contatto con gli altri, imparare ad ascoltare e
rispettare gli altri, imparare a gestire i propri movimenti in rapporto con i movimenti degli altri.
Coesione, confronto, collaborazione, acquisizione e rispetto delle regole di gruppo. Collaborazione leale e costruttiva per l’unità del gruppo.

Rappresentarsi: Mostrare il proprio corpo ed i propri sentimenti, riuscire ad accettare i propri
limiti e valorizzare le proprie doti. Attraverso la costruzione e l’elaborazione di un testo narrativo,
essere capaci di strutturare improvvisazioni individuali e di gruppo.


INSEGNANTE

Il corso sarà guidato dal dott. Dario Esposito, laureato con lode in Storia del Teatro e Regia Teatrale
al DAMS di Roma 3, esperto nella preparazione e formazione di attori attraverso le pratiche laboratoriali.
 
 
ORARI CORSI